Che significato/origine ha il tuo nick?

pizzicagnolo
Messaggi: 188
Iscritto il: 23 dicembre 2005, 15:10

Che significato/origine ha il tuo nick?

Messaggioda pizzicagnolo » 16 gennaio 2008, 19:09

Ciao a tutti!
Alcuni di noi hanno scelto nick di immediata comprensibilità .
Altre volte, ci sono dei nick che hanno significati (dialettali?) che mi sfuggono, es. Spasulata (e non "Sfasulata" come dico io, ehehehe), Strazzapercall, ...
Kukurni so che significa "cagnolino", vero? e Malacarne ha spiegato l'origine del suo nick, come anche RonnaPaulina...
Holda lo so, non lo sapessi, ma lo so!!!
Io (pizzicagnolo) ho giocato un pò col nome, perchਠਠcolui che vende salumi e formaggi... e quindi non c'entra con la pizzica :wink:

Qualcuno che ha un nick insolito, vuole spiegare il perchਠdella sua scelta, le origini o semplicemente il significato?

Avvocatista
Messaggi: 335
Iscritto il: 1 dicembre 2005, 12:39
Contatta:

Messaggioda Avvocatista » 17 gennaio 2008, 0:51

Tanto tempo fa mio nonno mi disse di avere un cugino a Sant'Antonio Abate che era famoso tammorraro: Zi 'Ntonio o Cianco.

Un bel giorno vedo suonare su un palco un gruppo di riproposta dell'area nocerino sarnese.

Mi ritorna in mente questo fatto e chiamo il leader di questo gruppo musicale il quale mi invita a partecipare ad una "vacanza etnica" che organizza ogni anno nel sud italia.

Arrivo lì e rimango folgorato da questo strumento, comincio a giocarci e devo dire che sembravo (solo a me stesso) pure portato.

Tuttavia, la cosa che mi veniva meglio (pensavo sempre io) era l'invocazione alla Madonna Avvocata.

Poco dopo vado a vedere da vicino queste famose tammurriate e capisco immediatamente che non avevo capito assolutamente niente.

La tammurriata ਠuna delle forme più complesse di musica di tradizione e richiede una conoscenza profondissima del dialetto, della mentalità , delle forme devozionali e della filosofia di vita di quelle zone, che sono anni luce distanti dalle stesse cose che ho io in Lucania (a meno di 60 km da quei luoghi).

Così lasciai perdere la Tammorra, ma a futura memoria della mia immane ingenuità , stupidità  e superbia volli chiamarmi "Avvocatista": colui che pensa di saper suonare "l'Avvocata", ma che in realtà  non ha capito niente.

In compenso custodisco come una reliquia una splendida e pesantissima tammorra di Antonio Matrone che con le lacrime agli occhi volle del tutto immeritatamente dedicarmela in quanto pronipote di un suo grande maestro: Zi 'Ntonio o cianco.

pizzicagnolo
Messaggi: 188
Iscritto il: 23 dicembre 2005, 15:10

Messaggioda pizzicagnolo » 17 gennaio 2008, 1:23

Ma che stooooria! Grazie, Avvocatista, di avercene messi a parte!
E... invece... Ezum Valgemom?... :lol: (se si può...)

Avvocatista
Messaggi: 335
Iscritto il: 1 dicembre 2005, 12:39
Contatta:

Messaggioda Avvocatista » 17 gennaio 2008, 2:03

[quote:c3cd61e64d="pizzicagnolo"]E... invece... Ezum Valgemom?...[/quote:c3cd61e64d]

Questo ਠfacile facile.

Una volta incontrai un vecchio coltissimo prete in un paese del cuore della Lucania.

Mi estorse una certa promessa e per compensarmi - sapendo che ero preda della vanità  della Conoscenza - mi mostrò un pezzo di carta sul quale aveva trascritto una frase presa da un pezzo di pietra che aveva rinvenuto nelle vicinanze di quel paese.

Quella frase era scritta in alfabeto Osco, e conteneva le parole Ezum Valgemom che stranamente furono le uniche a colpirmi.

Mi spiegò che il significato letterale era "essere migliori", ma secondo lui, invece, aveva il senso di "Siate i migliori" o anche "Forza e onore" e, sempre secondo lui, vi erano fondati motivi per pensare che era il motto della falange lucana che insieme a quelle di Marsi, Piceni, Vestini, Peligni, Marrucini, Irpini e Sanniti, ecc... si oppose ai romani nel corso delle guerre sociali.

Quindi,
Ezum Valgemom ora e per sempre, caro amico.

kukurni
Messaggi: 26
Iscritto il: 1 gennaio 1970, 2:00

Messaggioda kukurni » 17 gennaio 2008, 10:24

beh! in verità  caro pizzicagnolo, per me il nick ਠanche un po' segreto!

ossia ha in sਠparte anche della magia, oppure fantasia? non so!

ognuno in qualche modo "fugge" dall'imbrigliamento che la vita "concreta" di tutti i giorni ci impone, forse, attraverso il nick! dico? ma non so!

quindi torniamo al mio, che ormai ਠscoperto!

ਠuna parola nepalese. kukur significa cane al maschile
-ni ਠla trasformazione al femminile!

da qui cagnolina!

ma per me, non ਠtanto il significato, ma il suono, suona bene, mi ricorda una infinità  di parole nepalesi contigue, parole del lessico quotidiano, una quotidianità  semplice, fatta di odore di riso bollito, ma il riso basmati che ਠprofumato, di lenticchie al curry, di mangiare alle 10 del mattino, per poi affrontare la giornata nelle risaie, e cenare alle 5 del pomeriggio, perchਠnon c'ਠla corrente elettrica. ed in mezzo il tiffin! qualcuno sa cosa sia????

ancora, mi ricorda i campanelli suonati ai templi per ricordare agli dei che ci siamo, che siamo lì a pregare, a portare le nostre offerte su piatti di foglie: riso, bindu (la polverina rossa), fiori, dhup (incenso) e qualche monetina!

ancora mi ricorda, la sveglia al suono dell'armonium portativo e dei gorgheggi delle donne che studiano canto!

ehi un momento! ci sono anche le trombe, una corsa al cancello sulla strada di terra battuta rossa, ਠun corteo, il corteo della sposa, avanti lo sposo su un destriero bianco, tutto bardato a festa con il turbante, e il suo seguito di musicisti, vanno dalla sposa.

aspettiamo! cosa succederà  ancora?

di nuovo la tromba, ed ora però torna da sposa tutta vestita di rosso e oro, su una portantina sulle spalle degli uomini della famiglia, viene trasportata velata alla casa dello sposo, piange! chissà  se piange o invece ride?

ed i cani, le galline, le mucche che gironzolano liberi, in mezzo a questa vita così poco cittadina, così ancora molto contadina

e poi l'umido del monsone, la tensione prima delle pioggie, e la furia felice di tutti a ballare sotto la pioggia quando finalmente in quel caldo infernale arriva, si ਠarrivato, il monsone!!!!
e tutti sotto a ballare, a bagnarsi, a ridere felici e ad abbracciarsi!

significa riso, riso in abbondanza, pescetti, si pescetti di acqua dolce nelle risaie,

significa acqua che lava tutto, pulisce, porta via la spazzatura e la sporcizia, significa fare il bagno nei fiumi, nei ruscelli!

ma ecco di nuovo la tromba.

questa volta al buio, in mezzo alle risaie. una luce in lontananza che ondeggia, ed il suono della tromba, intermittente, nel buio e nel silenzio

ancora un poco, e poi anche il suono di piedi scalzi che battono il suolo come in corsa....

lentamente si materializza un primo uomo con un fiaccola in alto, completamente svestito eccetto per un panno bianco intorno ai reni, corre davanti ad altri.

eccone un altro, con la conch, la conchiglia, non ਠuna tromba il suono che ho udito, ma la conchiglia sacra,

e a seguire degli uomini che trasportano una barella di bambù con una persona avvolta nei panni che si usano per i morti....

mi superano, solo il suono dei piedi sul terreno battuto, e della conchiglia

vanno al ghat

ed io ritorno nel buio, sbattendo gli occhi.......... e con me stessa nel buio

quante cose, quante altre dimensioni, quanti .....silenzi, silenzi che parlano, quanta vita


ecco cosa ਠper me kukurni!

ha senso tradurlo?

CarloTrono
Amministratore
Messaggi: 977
Iscritto il: 11 maggio 2003, 11:06
Località: Copertino (Lecce)
Contatta:

Messaggioda CarloTrono » 17 gennaio 2008, 10:46

emmm...non mi sono mai chiesto il perchà© del mio nick :D

Damiano
Messaggi: 528
Iscritto il: 10 novembre 2003, 22:10

Messaggioda Damiano » 17 gennaio 2008, 13:42

Jà© me chià¨me Tamià¨ne e vienghe da Martà¨ne.

Scherzi a parte, siccome io sono una persona che come dicono a Bari "come la vedi la scrivi", cioਠmolto sincera e senza niente da nascondere, ho deciso di non usare nick e di chiamarmi semplicemente Damiano (oppure Damiano Nicolella o Damiano di Martina o, come mi chiamano le ragazze a cui ho spezzato il cuore, Damy, o, come mi chiama una certa persona che legge sempre questo forum di nascosto e che s'incazza con me almeno tre volte al giorno....DAMIA'''''''!!!).

Mi chiamo Damiano per un voto fatto da mia madre ai Santi Medici e per la stessa ragione tutti gli anni vado a piedi ad Alberobello, dove c'ਠuno dei più famosi santuari pugliesi dedicato a questi santi molto miracolosi.

Jackochan
Messaggi: 78
Iscritto il: 8 giugno 2006, 16:08
Località: Conversano
Contatta:

Messaggioda Jackochan » 17 gennaio 2008, 15:50

Jackochan: distorsione di "Jackie Chan" che ਠun noto attore cinese trasferitosi in Usa...(se non vi piace il kung-fu non lo conoscerete, al massimo ne avrete sentito parlare, ndr)
In più il mio vero nome ਠGiacomo, Jack in inglese, quindi Jackochan...
:twisted:

Kamammury
Messaggi: 32
Iscritto il: 22 febbraio 2006, 19:26
Località: Penisola Salentina

Messaggioda Kamammury » 17 gennaio 2008, 17:25

E' un omaggio al grande Rino Gaetano, al cui mondo interiore mi sento molto vicino e affine.

Kammamury (o giù di lì) ਠsemplicemente lo pseudonimo con il quale Rino cominciò ad incidere, esordendo con "I love you Marianna". Il riferimento al personaggio salgariano ਠquindi per me solo indiretto.

Provo a portare sempre con me la sensibilità , l'attenzione agli ultimi, il disincanto, la rabbia, l'ironia graffiante, il nonsense, l'imperscrutabile ambiguità , il senso della profezia, la voglia di lottare, il disgusto verso il potere, la solitudine, gli alti e bassi, la speranza e l'allegrissima tristezza di Rino.

Da "A me piace il SUD:" "Ma come fare non so. Si, devo a dirlo, ma a chi ? Se mai qualcuno capirà , sarà  senz'altro un altro come me".

Ciao.

Avatar utente
quirino
Messaggi: 225
Iscritto il: 1 gennaio 1970, 2:00

Messaggioda quirino » 18 gennaio 2008, 10:58

Quirino ਠla terza divinità  della triade arcaica romana (Giove, Marte, Qurino), quella risalente come origine al periodo pre-romano, quando Roma era ancora solo un area di terreno in cui vi erano alcuni insediamenti latini.
La divinità  rimase formalmente importante anche in periodo storico e vi era preposto al culto uno dei tre flamini maggiori (il flamen qurinalis); ਠla divinità  che presiede alla terza funzione, quella relativa alle attività  umane e genericamente veniva intesa come la divinità  rappresentante il popolo riunito.

pizzicagnolo
Messaggi: 188
Iscritto il: 23 dicembre 2005, 15:10

Messaggioda pizzicagnolo » 26 gennaio 2008, 15:22

Grazie, grazie a tutti coloro che mi hanno risposto; soprattutto, non vi sono risposte banali, tutte molto interessanti!

Arthas
Messaggi: 25
Iscritto il: 1 gennaio 1970, 2:00

Messaggioda Arthas » 27 gennaio 2008, 22:58

Il mio nick deriva dal fatto che, prima di avvicinarmi alla musica tradizionale, fin da ragazzo ho coltivato la mia passione per la "storia patria". Quindi usi e costumi, leggende popolari e, soprattutto, archeologia.
Per questo motivo ho scelto Arthas come nick.
Vuole la tradizione che Arthas fu uno dei più illuminati re messapici.
Ma sottolineo che si tratta di tradizione, leggenda, non di storia ufficiale.
Che io sappia il nome Arthas compare di certo come iscrizione in alcune sepolture messapiche (come anche Opis) e forse in qualche altro documento, ma se sia realmente esistito e abbia avuto il ruolo che la tradizione gli attribuisce non ਠconfermato ufficialmente.
Ma io non sono uno storico e amo le leggende!. E poi suona bene.

RonnaPaulina
Messaggi: 191
Iscritto il: 1 gennaio 1970, 2:00

Messaggioda RonnaPaulina » 27 gennaio 2008, 23:42

Hai ragione, Arthas: leggende, sogni, miti, utopie, simboli... hanno un loro posto di grande dignità  nella nostra vita ed ਠmolto suggestiva la leggenda di questo eroe che difende il suo popolo e lo conduce alla libertà . "... Il suo nome era Arthas. Egli era un fiero esponente della casta nobiliare salentina e fece subito parlare di sà© non solo per le sue eccezionali doti agonistiche ma anche e principalmente per le sue abilità  dialettiche e diplomatiche
In poco tempo la sua fama superò i confini della Sallentina raggiungendo la Magna Grecia ed il vicino Oriente. Egli ebbe anche l'onore di rappresentare la Messapia alle panatenaiche di Atene, dove fu onorato con la ghirlanda di vincitore in una delle gare ufficiali..."

Pensa che le prime volte che leggevo il tuo nick, sbagliando, lo associavo ad Arthos=greco à¡rktos=Orso (grande animale sacrale fortemente simbolico della classe guerriera e della sovranità ...)

PS. ...Eh, però, "sbagliando" ma non del tutto, visto che anche il principe Arthas appartiene alla classe guerriera e sovrana (potere temporale)...
Ultima modifica di RonnaPaulina il 28 gennaio 2008, 0:12, modificato 1 volta in totale.

RonnaPaulina
Messaggi: 191
Iscritto il: 1 gennaio 1970, 2:00

Messaggioda RonnaPaulina » 27 gennaio 2008, 23:53

[quote:47f2845dd7="Kamammury"]Provo a portare sempre con me la sensibilità , l'attenzione agli ultimi, il disincanto, la rabbia, l'ironia graffiante, il nonsense, l'imperscrutabile ambiguità , il senso della profezia, la voglia di lottare, il disgusto verso il potere, la solitudine, gli alti e bassi, la speranza e l'allegrissima tristezza di Rino.
Ciao.[/quote:47f2845dd7]

;o) Senza parole! Grazie!
Ciao!

RonnaPaulina
Messaggi: 191
Iscritto il: 1 gennaio 1970, 2:00

Messaggioda RonnaPaulina » 28 gennaio 2008, 0:04

[quote:b138aa90eb="quirino"]Quirino ਠla terza divinità  della triade arcaica romana (Giove, Marte, Qurino), ...[/quote:b138aa90eb]

Il senso del tuo nome, invece, Quirino, era (per me) un pò più ... intuitivo di quello di Arthas, soprattutto dopo aver letto:

GEORGES DUMEZIL
LA RELIGIONE ROMANA ARCAICA
RIZZOLI 1977

I primi romani non raffiguravano alcun dio in modo antropomorfo, ma un oggetto lo simboleggiava: lancia, fuoco, selce! La più antica struttura teologica conosciuta ਠla triade formata da Giove, Marte e Quirino. Dumà©zil analizza le caratteristiche di questi e degli altri dà¨i del Pantheon Romano.

GEORGES DUMEZIL
GLI DEI SOVRANI DEGLI INDOEUROPEI
EINAUDI 1985

La teologia trifunzionale non ਠun'invenzione degli indoiranici. Tra gli indoeuropei occidentali, i Romani più antichi (con la triade Giove Marte Quirino) e gli Umbri ne conservano una variante ben strutturata, come i Germani, gli Scandinavi, i popoli celtici, Irlandesi in testa.

Grazie di averci ricordate le funzioni del dio della terza funzione!

Avatar utente
lapo
Messaggi: 167
Iscritto il: 20 gennaio 2005, 15:41
Località: firenze-bari
Contatta:

Messaggioda lapo » 28 gennaio 2008, 0:29

Guido, i vorrei che tu e Lapo ed io
fossimo presi per incantamento,
e messi in un vasel ch ad ogni vento
per mare andasse al voler vostro e mio,

sì che fortuna od altro tempo rio
non ci potesse dare impedimento,
anzi, vivendo sempre in un talento,
di stare insieme crescesse l disio.

E monna Vanna e monna Lagia poi
con quella ch ਠsul numer de le trenta
con noi ponesse il buono incantatore:

e quivi ragionar sempre d amore,
e ciascuna di lor fosse contenta,
sì come i credo che saremmo noi.

laperuginapizzicata
Messaggi: 115
Iscritto il: 5 aprile 2009, 15:21
Località: Perugia
Contatta:

Re: Che significato/origine ha il tuo nick?

Messaggioda laperuginapizzicata » 30 maggio 2009, 12:55

Vorrei ringraziare pizzicagnolo per aver istaurato questa discussione, per farlo, signori, voglio raccontarvi la storia delmio nome virtuale, così interloquisco con altri utenti ancora!
Prima di iniziare, voglio dire a Damiano, con rispetto ed affetto, che non tutti si nascondono sotto il nick, c'è chi se lo sceglie per omaggiare un avvenimento a cui è particolarmente legato, cosiccome ho fatto io.
"La perugina pizzicata" fu il nomignolo che mi dette Totò, il mio amico di Nardò senza il quale non avrei conosciuto ciò che più amo del Salento. Il nomignolo, signori, me lo dette poco prima della serata che feci come "pianista etnica", quella con Zimba, pper la facilità con cui improvvisavo (e vi giuro che facevo cose pazze!).
Nella mia scelta di metermelo qui, poi, ha influito la voglia di omaggiare questo posto virtuale, che mi ha permesso di "ri-sfogare" una passione che, per fattori alieni alla miavolontà, stava morendo.
Infine, c'è da dire che, siccome sono molto legata alla mia terra, l'ho trovato un buon pretesto per mostrare la mia forte, anche se rispettosa, "peruginità".
Va detto, poi, ce per quanto riguarda "pizzicata", c'è anche un omaggio al film di Winspeare che mi ha folgorata subito!
Sperando di non averti annoiato, caro pizzicagnolo, laperuginapizzicata ti saluta affettuosamente.
Valentina.


Torna a “Presentazioni, saluti, ringraziamenti, auguri e complimenti”