Stornelli a dispetto, schioppettate e mutande che volano

giannino
Messaggi: 568
Iscritto il: 27 luglio 2003, 12:59
Località: Paris
Contatta:

Messaggioda giannino » 22 maggio 2007, 2:13

e l'anda sera appunde
scì cchiandabbe li pemmedure
scì scappabbe li paparule
méste damiane la pigghjie 'ngule

Damiano
Messaggi: 528
Iscritto il: 10 novembre 2003, 22:10

Messaggioda Damiano » 22 maggio 2007, 10:56

Giuannidde Giuannidde Giuannidde
téne 'u cole a panaridde,
quanne sone l'argoniette
ca te chére na sajétte!

E poi per l'occasione aggiungo una versione di uno dei più bei stornelli martinesi adattato per l'occasione a Giannino:

Ahie lu core
ca Giuannidde sta more,
nunge 'u puozze chiange
ca n'amma sunete apprisse angore;
c'era aviesse pegghiete vegghie
ierma sunà  nuotte e regghie,
e mé ca n'ammà  sunéte
le puozze avé na sckuppettéte!

TRADUZIONE:

Ahia il cuore
che Giannino sta morendo,
non lo posso piangere
che non abbiamo ancora suonato insieme;
se avesse preso la strada (leggi: venuto a Reggio Emilia)
avremmo suonato notte e giorno,
e ora che non abbiamo suonato
che possa avere una fucilata!

tamburellista
Messaggi: 226
Iscritto il: 1 gennaio 1970, 2:00

Messaggioda tamburellista » 22 maggio 2007, 14:24

AGGHU SUNATU STA' SIRINATA
CU STU' PICCULU ORGANETTU,
NO SO IU CA MI DIVERTU
LU PATRUNU DI ST' ORGANETTU.

AGGHIU SUNATU STA' SIRINATA
NA PI VOSTRA SIGNURIA,
A CI LI PIACI LI PIACI,
A CI NO PIACI SI FACI CAPACI.

montemaranese
Messaggi: 138
Iscritto il: 14 aprile 2006, 9:48
Località: irpinia

Messaggioda montemaranese » 22 maggio 2007, 17:20

faccia ri jummenta calabbresa
quann ter l'accatti na grattacasa
ti la mitt 'mbiett'assu pertuso
andò fann re mosche iess e trase


Torna a “Il canto e le parole”