Stornelli a dispetto, schioppettate e mutande che volano

Frag
Messaggi: 331
Iscritto il: 10 dicembre 2005, 21:19
Località: Sava (Ta)
Contatta:

Stornelli a dispetto, schioppettate e mutande che volano

Messaggioda Frag » 22 settembre 2006, 19:31

Il titolo del topic suggerisce sicuramente l'argomento che ho intenzione di trattare, e se non fosse chiaro mi esprimo meglio:
Gli stornelli a dispetto sicuramente non si possono racciudere in una raccolta, perché molto spesso, quasi sempre, venivano inventati e cantati al momento.
Ho avuto modo di parlare con degli iscritti del forum riguardo a questo tipo di stornello, e riguardo alla sua inadeguatezza odierna, la sua poca ragione di esistere.
Se partiamo dal presupposto che non deve esistere lo stornello a dispetto, non deve esistere nemmeno lo stornello senza mutande (e sapete a che mi riferisco)...
Se invece la pensiamo diversamente, vediamo prendere forma stornelli senza mutande, somiglianze con animali poco rassicuranti e quant'altro..

Io sono uno di quelli che in ronda, se viene sfottuto, risponde senza problemi, voi come vi comportate, cosa ne pensate??

Saluti.

Damiano
Messaggi: 528
Iscritto il: 10 novembre 2003, 22:10

Messaggioda Damiano » 22 settembre 2006, 19:52

Ah ah!

Dà ll Frag!

montemaranese
Messaggi: 138
Iscritto il: 14 aprile 2006, 9:48
Località: irpinia

Messaggioda montemaranese » 22 settembre 2006, 19:54

Si fatta longa quante una mazza
tieni la capa di la chicozza
oi quillo giovina chi t'abbraccia
faci lu stommeca ri lo ciuccia

Statti citte ciuccie chi raglia
mo ti ru porta ru fiene e la paglia
e t'attacche a la mangiatora
ti venghe assoglia quann'é l'ora

figliola chi vuoi ru latte
ca ti ni vieni a lu quagliatura
ti metti ri cap'a lu caccavi
e ti fazz'assine ru siere pi culo

mi n'aggia scì a l'Abbruzza
ca nun ti voglie chiù
tu l'hai data a tutti
e sule a mene no

Miezz'a li cosce toie
ci sta una ferita
é larga quattro dita
e prifonda non si sa

quanti sa fatta brutta
mi pari una mappina
pulizza ssa cucina
mi vene una puzza di baccalà 

Questi non sono improvvisati ma si tramandano da secoli ;) non c'é bisogno di inventarli ;)

Damiano
Messaggi: 528
Iscritto il: 10 novembre 2003, 22:10

Messaggioda Damiano » 22 settembre 2006, 20:25

Mi hai provocato montemaranese ora sono cavoli amari!

E sopra il campanile sta un'erba verde,
e statte zitte tu facce de merde.

E sopra il campanile sta un'erba tisa,
e statte zitte tu faccia de prisa. (area di Laterza)

Lu vidi nu' si bona, piccé ti mitta,
arrocchete a lu cantone e statte zitta.

Statte zitta tu, sciummenda viecchie,
ti vé sculanne a miercie 'nda 'lli uecchie (area di Ceglie Messapica).

Come cante bròtte, cia brotta canzòn,
jà© già  m'i rotte tre quarte de cugghiòn.

Lu tammurridde mie vene da Stuni,
e te già  m'ha ròtte li cugghiuni (inventati sul momento durante una stornellata).

Avanti, continuate voi!

Avatar utente
andreap
Messaggi: 194
Iscritto il: 21 novembre 2005, 20:05
Località: Ronciglione (VT)
Contatta:

Messaggioda andreap » 22 settembre 2006, 22:48

mmmhhhhh.... Irresistibile!!!

e io de stornelli ne so uno...
n'ho coglionati cento
a mano a a mano... (laziale)

montemaranese
Messaggi: 138
Iscritto il: 14 aprile 2006, 9:48
Località: irpinia

Messaggioda montemaranese » 23 settembre 2006, 8:24

e ri tieni re brecchie longhe
ca me pari oi nu pugghritre
ca a la fera oi ri Calitre
t'aggia suli purtan'a cangià 

maronna chi guaii stanotta
é caruta muglierima da lu lietta
ca ssi quatta vuccapierta
vuonni sentì a me ri cantà 

mò chi l'hai fatta quessa parlata
ca nu callara ri foglia scallata
lu puorco mia nu l'ha biluta
si giuti tuna e ti l'hai mangiata

ca nnant'a a porta toia
songhe minate oi ri cicute
ca si na faccia oi merdicuta
e ti vui mett'a cantana cu me

e ri tiene li cirli mbronta
com'a nu pelo ri crapa moscia
ca io ti r'apre bene ssi cosce
e n'ata canzona ti fazzi cantà 

pi sui canti a distesa(senza accompagnamento musicale)

Facca ri na bofala di macchia
nun te lavane chiù cu ru sapona
m'hai distrutte lu fiume de l'acqua
e si chiù tenta tu ca un tezzona

bellu uagliona cu ssu cappielle cricca
te zicheteie e bai facenna lu uappo
tu te crerivi ca ieri lu più ricco
no re tieni tre soldi rint'a la sacca

vai a la chiesia e te mitt'a pentone
vai a la chiazza e nun sai parlare
ma quella donna a te chi t'adda sosane
meglio che se vennesse a re galere

Frag
Messaggi: 331
Iscritto il: 10 dicembre 2005, 21:19
Località: Sava (Ta)
Contatta:

Messaggioda Frag » 23 settembre 2006, 12:58

gli stornelli che state postando sono interessantissimi, davvero belli..
però non era questa l'idea che mi ha portato a scrivere il topic, cosa ne pensate voi degli sotrnelli a dispetto cantati oggi??

montemaranese
Messaggi: 138
Iscritto il: 14 aprile 2006, 9:48
Località: irpinia

Messaggioda montemaranese » 23 settembre 2006, 13:15

che sono meglio di un vaffanculo..o un vai all'inferno..devi lasciare una ragazza, gli canti:
e l'acqua ri Vallata(Av)
é fatta 'mbroglia 'mbroglia
io prima ti vuleva
e mò io nun ti voglia...Sono utilissimi..e sempre al passo con i tempi

brigantessa
Messaggi: 13
Iscritto il: 22 marzo 2004, 21:27
Contatta:

Messaggioda brigantessa » 14 maggio 2007, 10:05

Viti ca ‘na si bona
pà«ccé ti mitta arrochà«tà« allù candonà« e statti zitta

Na vitૠ‘na ssì candà ri
piccié ti mittà« arrocchà«tà« allù candonà« tu stattà« zitta

Tu statti zitta tu statti zitta
mittà«tà« allù candonà« e statti zitta

Statti zittà« tu sciummenda vecchià«
ti ve sculannૠa merciૠnd ‘a li uecchia


(da toome tomme)

brigantessa
Messaggi: 13
Iscritto il: 22 marzo 2004, 21:27
Contatta:

Messaggioda brigantessa » 14 maggio 2007, 10:21

scusate l'errore di "battitura":

TOMMA TOMME
musiche e balli dalla Murgia dei Trulli
(ETHNICA/LA TARANTA 2005)
lavoro di ricerca etnomusicale svolto da Massimiliano Morabito, organettista cistranese

grazie massimiliano!

laura

brigantessa
Messaggi: 13
Iscritto il: 22 marzo 2004, 21:27
Contatta:

Messaggioda brigantessa » 14 maggio 2007, 10:26

questo é toscano, qualcuno ne conosce una versione "suditalica?"


ho seminato un campo d'accidenti,
se la stagione me li tira avanti,
se la stagione me li tira avanti,
ce n'é pe' te e pe' tutti i tu' parenti.


Ho seminato un campo di carciofi
giovanottino mi son bell' e nati,
giovanottino mi son bell' e nati,
carciofi come te e 'un son venuti.

Damiano
Messaggi: 528
Iscritto il: 10 novembre 2003, 22:10

Messaggioda Damiano » 14 maggio 2007, 12:04

Io ne conosco uno simile:

Jé quanne te vuleve
pregheve 'u Dije ca t'aveve,
ma mà© ca t'aggia avòte
vaffangole a téve d'addà  venòte!

Io quando ti volevo
pregavo Dio che ti avevo,
ma mò che ti ho avuto
vaffanculo a te da dove sei venuto!

dalla capitale della Bassa Murgia Martina Franca!

Damiano

alex
Messaggi: 17
Iscritto il: 15 luglio 2005, 15:15

Messaggioda alex » 14 maggio 2007, 16:53

Faccà« dà« rimungellૠ‘ngiallanutà«
tu tà« và  vantannà« che non m ha vulutà«
ma dintà« lu toi giardinà« ji ci songà« statà«
la megghia purtagallà« mà« l ejà« magnatà«
lu megghià« rumungellà« mà« l ejà« stà«patà«
lu uadà« l ejà« rumastà« tuttà« rapettà«
chi vò trascì che traschà« che je songà« ascuità«

Faccà« dà« malalingua sà«rpà«ntinà«
dà« nottà« e giornà« vai malangannà«
t eja tà«rà  la lenghà« pà« l uncinà«
tà« l eja ‘ncocà« pà« lu ferrà« caldà«
lu ferrà« quannà« ié caldà« cà« martellà«
quannà« ié durà« cà« tornà« a martellà 

Due esempi di canti di sdegno detti "stramurtà«".
Carpino (fg).

march
Messaggi: 221
Iscritto il: 29 maggio 2003, 15:13
Località: Milano
Contatta:

Messaggioda march » 14 maggio 2007, 18:02

Alex, queste strofe sono bellissime!! Con che classe che puoi mandare qualcuno a quel paese!!

solo due parole non ho capito: uadà« e rapettà«

forse la seconda vuol dire aperto?

Damiano
Messaggi: 528
Iscritto il: 10 novembre 2003, 22:10

Messaggioda Damiano » 14 maggio 2007, 19:20

Ne conio uno nuovissimo nel dialetto del mio paese: Martina Franca (Ta)

Ah na na
la puttana 'e mametà ,
quanne noggue ammà  stà  sole
t'i pegghià  a calce 'ngole.

E poi uno di sfottò che si cantava a chi si chiamava Michele:

Mechéle ah Mechéle
puorte i suorge a la megghiere,
a megghiere se le mange
e Mechéle se miétte a chiange.

alex
Messaggi: 17
Iscritto il: 15 luglio 2005, 15:15

Messaggioda alex » 15 maggio 2007, 17:15

Vero March sono davvero belli!! Mi riprometto di postarne altri quando ho un po' di tempo! A Carpino un tempo si esprimevano tutti i sentimenti attraverso il canto: l'amore con le stupende parole dei sunette cantate durante le serenate per fare innamorare la propria donna; lo sdegno ed il risentimento per un rifiuto con le altrettanto belle parole, anche se di segno opposto, degli stramurte. Ogni volta io rimango stupito di come da semplici pastori e contadini siano potute venire fuori delle parole così belle e davvero mai banali.
Per quanto riguarda la trduzione: "rapette" significa aperto e "uade" significa guado, varco.

tamburellista
Messaggi: 226
Iscritto il: 1 gennaio 1970, 2:00

Messaggioda tamburellista » 20 maggio 2007, 14:13

HEI POSSO UNIRMI ANCHE IO ALLA STORNELLATA?

IU CANTU LI STORNELLI A MILLE A MILLE,
CI NI SAPI CHU' DI ME E' N'IMBECILLE.

E STATTI CITTU TU NO SAI CU CANTI,
VA DO LA BEDDA MIA E FATTI MPARARE.

LA SITA MIA E' NU PICCA VERGUGNOSA,
PRIMA CU DICI TRASI E' GIA' TRASUTA.

NìNà  NìNà  TU NO LA VINCI,
PANì TI CASA MIA TU NO NI MANGI.

PANì DI CASA TUA AGGHIA MANGIARI,
E ALLU LIETTU TUA M'AGGHIA CURCARI.

ROBBERTA QUANNU CERNI VITI COMU SI MUTULESCIA,
NA BOTTA INTRA ALLI MENNI LA FARINA LA VENTULESCIA.

COMU AGGHIA' FA' LU PAMI CRE' MATINA,
NO TENGU NE LUATU E NE FARINA.

CI UE CANTI CU ME AZZA LA VOCI,
CA LU PALAZZU E' IERTU E NO SI SENTI.

CI LU PALAZZU E' IERTU FALLU BASCIARI,
CA VOCI NO NI TEGNIU PI CANTARE.


VISTO CHE CI SONO NE METTO PURE UNO IN ALBANESE:(scusate il non perfetto modo di scrivere le parole! :oops: )

bukà  stpia gliott kat hagn,
e nd stratt gliott kat flegn.
A VOI LA TRADUZIONE!!!

giannino
Messaggi: 568
Iscritto il: 27 luglio 2003, 12:59
Località: Paris
Contatta:

Messaggioda giannino » 21 maggio 2007, 9:55

Mannagghja a ci t'é mmuerte
e ce pizzeche m'i'mmenate
ì lu core m'ì ttrapanate
i mu ci me l'avà  ssanà 

Chera porca de megghiereta
come dorme scuscetata
e cu'lla fenestra aperta
e lu pertiedde scaranzate

tamburellista
Messaggi: 226
Iscritto il: 1 gennaio 1970, 2:00

Messaggioda tamburellista » 21 maggio 2007, 14:53

GIANNINO UNA "BELLA RISPOSTA" PER TE:

I MANNAGGHIA CI TE MUERTU
NO MI IASTIMA' LI MUERTI
CA CI SCENNU TI LU UERTU
TI IASTEMU CI TESTRA MUERTU!

QUERA PORCA DI MUGGHIERITA
COMU DORMI SCUSCITATA
SI CORCA TUTTA VISTUTA
PISCIA LU LIETTU E DICI CA SUTA!

Damiano
Messaggi: 528
Iscritto il: 10 novembre 2003, 22:10

Messaggioda Damiano » 21 maggio 2007, 18:38

E megghierma sepe fà ,
e ce cazze sepe fà !
Sepe frà©scere 'u baccalà ,
e lu baccalà  sì tu,
a fatte vecchie na cuonte chiù!


Torna a “Il canto e le parole”