Il risveglio col "Cuccurucù"

RonnaPaulina
Messaggi: 191
Iscritto il: 1 gennaio 1970, 2:00

Il risveglio col "Cuccurucù"

Messaggioda RonnaPaulina » 25 giugno 2007, 17:01

Cari forumisti, musicisti e appassionati,
Conoscevo le ninne nanne... ma non il loro contrario!
Ho da poco (ieri) scoperto con sorpresa e divertimento questo modo scherzoso e tutto sommato anche gentile benchਠcanzonatorio di risvegliare amici e parenti in musica: l'uso del "cuccurucù" e delle sue strofe per tirare giù dalle brande chi vorrebbe ancora dormire. Ho interpretato bene le intenzioni?

Lo conoscevate? Dove e da chi l'avete appreso? Si usa/usava nella vostra famiglia? Differisce (e in che cosa) da zona in zona? E' possibile scambiarsi informazioni sui testi , sulle modalità  del canto e sui contesti nei quali esso si esprimeva e si esprime tuttora?

Un grazie e un abbraccio a chi me l'ha fatto conoscere e un invito anche agli altri ad approfondire il discorso.

Ciao!

march
Messaggi: 221
Iscritto il: 29 maggio 2003, 15:13
Località: Milano
Contatta:

Messaggioda march » 25 giugno 2007, 17:34

ciao Ronna,
vedi che ce lo siamo inventati noi...non ਠche lu cuccurucù si canta per svegliare le persone..almeno non tradizionalmente. Cuccurucù ਠpiù un canto di osteria che si usa per sfottersi un con l'altro (noi abbiamo cantato "cu dicu bongiornu" ma se lo senti cantato di sera ਠpiù probabile che tu senta "cu mandu fanc..." sempre in simpatia s'intende!).

Il fatto di svegliare col canto gente che dorme però esiste, serenate e mattinate si usano a volte come sveglia. Mi ricordo che qualche tempo fa usavamo girare per le case di amici verso le 3 le 4 di mattina a svegliare la gente con delle serenate..poi ci si fermava a mangiare un pezzo di torta, un caffe..e si ripartiva per una nuova casa e ogni volta lo svegliato si accodava alla carovana per andare a portare la serenata a qualcun altro.

Se questa ਠpratica diffusa o invenzione non lo so, ma era una cosa bella e che creava una bella atmosfera..avvicinarsi in silenzio sotto la finestra, cantare, aspettare che il padrone di casa si alzasse, vedere le facce sorprese, fare colazione insieme e poi ripartire, magari andando a casa di persone che conosce qualcun altro nel gruppo e così facendosi degli amici (...)

qualcuno ricorda cose simili?

RonnaPaulina
Messaggi: 191
Iscritto il: 1 gennaio 1970, 2:00

Messaggioda RonnaPaulina » 25 giugno 2007, 18:30

:D :D :D AHAHAH, creativi! Così nascono le leggende metropolitane!!!
Se lo sapessero i Testimoni di Geova, applicherebbero questa tecnica ai loro risvegli domenicali... E non sarebbe neanche male che l'imparassero coloro che la domenica mattina distribuiscono l'Unità  porta a porta o il garofano rosso il primo maggio, e un pò di creatività , su!

Però, anche se avete applicato arbitrariamente alla sveglia il cuccurucù (la cui funzione originaria non era propriamente quella), ਠstato geniale, e quello che narri a proposito della sveglia con mattinate e serenate (andare a svegliare persone, che poi offrono la colazione e a loro volta si accodano per recarsi in altra casa ecc) mi ricorda che una volta c'era un maestro di Villa Argine, Albino, la cui moglie abbastanza severa era in vacanza; sapendo questo, con altre tre maestre siamo andate a casa sua a svegliarlo e lui s'ਠpresentato alla porta, incredulo, stropicciandosi gli occhi e inforcando gli occhialini, coi mutandoni lunghi di lana,... Ci ha fatte entrare e ci ha offerto un dolce delizioso, in quella casa austera, che sembrava un museo, silenziosa (fino a quel momento), ordinata e lustra, coi mobili scuri, ... ah se non fossimo entrate noi a portare un pò di scompiglio nella casa del maestro di Villa Argine...
Vorrei che anche altri raccontassero altre storie e situazioni di sveglie, "mattinate" e "cuccurucù"...

spasulata79
Messaggi: 34
Iscritto il: 1 gennaio 1970, 2:00

Messaggioda spasulata79 » 26 giugno 2007, 2:08

Cara Mascia,
ti lascio una definizione del "lu cucurucù" che puoi trovare su musiche e canti popolari del salento (vol1 e 2) di Brizio Montinaro.....credo possa aizzare la tu a fantasia....
"Dialogo scherzoso nella forma del contrasto in cui sono rntracciabili antichi elementi riferenti alla spartizione rigenerativadel corpo del tipo dei Testamenti carnealeschi"

Una delle strofe registrate giusto come esempio :
Iòu te cantu lu cucurucù.
Dimme dimme che cosa vuoi tu?
E io voglio li tuoi capelli.
I miei capelli che cosa li fai?
Pਠfà  lu nidu alli passerelli
poi te cantu lu cucurucù

....registrata ad Aradeo nel 1977....

p.s. certo io appena sveglia non ਠche proprio sto cucurucù.....vabbਠproprio perchਠme l'avete cantato e suonato voi....;-)

Damiano
Messaggi: 528
Iscritto il: 10 novembre 2003, 22:10

Messaggioda Damiano » 26 giugno 2007, 10:36

Io canto la cuccurucù.
De codde nà¨se ce ne vu fà  tu?
Fazze la pipe a don Tummà¨se.
Quaranta belle cuccurucù!

Io canto la cuccurucù.
De chedde vrazze ce ne vu fà  tu?
Fazze le stanghe a lu mì traine.
Quaranta belle cuccurucù!

Io canto la cuccurucù.
De chedde capà©dde ce ne vu fà  tu?
Fazze lu nide a lu cardelline.
Quaranta belle cuccurucù!

Per quanto riguarda le serenate, comunque da noi ancora si portano, specie nelle campagne di Fasano, Villa Castelli e Grottaglie. I miei amici suonatori armati di organetti e chitarre girano le campagne degli amici e suonano a notte fonda (Dio sa che non gli tirino i carciofi addosso). Fino a quarant'anni fa si portavano anche nel centro urbano di Martina, e si usava il mandolino e la chitarra battente, come testimoniato dalla seguente serenata pubblicata da Angelo Marinò nel libro "Poesia e tradizioni popolari a Martina Franca e nella Murgia dei trulli", Edizioni Pugliesi, 2005:

T'agge annotte la serenà¨te,
mandulà¨ne e catarre battiente,
e ce l'avesse a piacere
te l'annosce n'ata sà¨re.

T'agge annotte la serenà¨te,
cenghe là¨re l'agge pajete,
e ce t'arrà¨ve scumbenà¨te
cenghe là¨re me l'à  pajà .

Damiano
Messaggi: 528
Iscritto il: 10 novembre 2003, 22:10

Messaggioda Damiano » 26 giugno 2007, 10:36

Io canto la cuccurucù.
De codde nà¨se ce ne vu fà  tu?
Fazze la pipe a don Tummà¨se.
Quaranta belle cuccurucù!

Io canto la cuccurucù.
De chedde vrazze ce ne vu fà  tu?
Fazze le stanghe a lu mì traine.
Quaranta belle cuccurucù!

Io canto la cuccurucù.
De chedde capà©dde ce ne vu fà  tu?
Fazze lu nide a lu cardelline.
Quaranta belle cuccurucù!

Per quanto riguarda le serenate, comunque da noi ancora si portano, specie nelle campagne di Fasano, Villa Castelli e Grottaglie. I miei amici suonatori armati di organetti e chitarre girano le campagne degli amici e suonano a notte fonda (Dio sa che non gli tirino i carciofi addosso). Fino a quarant'anni fa si portavano anche nel centro urbano di Martina, e si usava il mandolino e la chitarra battente, come testimoniato dalla seguente serenata pubblicata da Angelo Marinò nel libro "Poesia e tradizioni popolari a Martina Franca e nella Murgia dei trulli", Edizioni Pugliesi, 2005:

T'agge annotte la serenà¨te,
mandulà¨ne e catarre battiente,
e ce l'avesse a piacere
te l'annosce n'ata sà¨re.

T'agge annotte la serenà¨te,
cenghe là¨re l'agge pajete,
e ce t'arrà¨ve scumbenà¨te
cenghe là¨re me l'à  pajà .

holda
Messaggi: 35
Iscritto il: 18 settembre 2005, 19:15

Messaggioda holda » 26 giugno 2007, 13:23

[quote:a2d7096e3b="spasulata79"]
"Dialogo scherzoso nella forma del contrasto in cui sono rntracciabili antichi elementi riferenti alla spartizione rigenerativadel corpo del tipo dei Testamenti carnealeschi"[/quote:a2d7096e3b]


Ah però!
Hai capito che bello spunto che ha tirato fuori spasulata...
Non avei mai pensato ad un simile risvolto!

RonnaPaulina
Messaggi: 191
Iscritto il: 1 gennaio 1970, 2:00

Messaggioda RonnaPaulina » 26 giugno 2007, 14:26

[quote:18055d88f2="holda"][quote:18055d88f2="spasulata79"]
"Dialogo scherzoso nella forma del contrasto in cui sono rntracciabili antichi elementi riferenti alla spartizione rigenerativadel corpo del tipo dei Testamenti carnealeschi"[/quote:18055d88f2]


Ah però!
Hai capito che bello spunto che ha tirato fuori spasulata...
Non avei mai pensato ad un simile risvolto![/quote:18055d88f2]

Eh sì, eh... qui c'ਠda lavorarci sopra seriamente... spartizione rigenerativa del corpo... con seria fantasia...

Intanto qui mi sono riletta "Che cosa c'entra Caravaggio con lu Cuccurucù?"
http://www.pizzicata.it/CMpro-v-p-189.html

E invece qui http://www.pinodenuzzo.com/pillole/stornelli_e_canti.htm#cucurucù:


e ieu cantu lu cucurucù

dimme, dimme ci gà© ca voi tu



e ieu ulia li tuoi bei capelli,

te li capelli ci gà© ca n'hai fà ?

pà© fare u nidu alli passerelli

pà© cantare lu cuccurucù.



- e ieu cantu lu cucurucù

dimme, dimme ci gà© ca voi tu



e ieu ulia le tue ntrame,

te le mie ntrame ci gà© ca n'hai fà ?

pà© fare corde te le campane

pà© sunare lu cuccurucù.



- e ieu cantu lu cucurucù

dimme, dimme ci gà© ca voi tu



e ieu ulia na bella carusa,

te sta carusa ci gà© ca n'hai fà ?

ulia cu mintu cu fazzu razza

pà© cantare lu cuccurucù.

Liolà
Messaggi: 87
Iscritto il: 4 maggio 2006, 21:56
Località: Cutrofiano

Messaggioda Liolà » 26 giugno 2007, 19:06

Vi dico qualche strofa che ricordo io...così all'istante...

E sta cantu lu cuccurucù
dimmi dimmi che cosa vuoi tu
e iu vuju la tua bocca
della mia bocca che cosa ne fai
pe scafazzare la pagnotta e poi te cantu lu cuccurucù
pe scafazzare la pagnotta e poi te cantu lu cuccurucù

E sta cantu lu cuccurucù
dimmi dimmi che cosa vuoi tu
e io voglio lu tuo nasu
dellu miu nasu che cosa ne fai
pe fare na pippa a don Tommaso e poi te cantu lu cuccurucù
pe fare na pippa a don Tommaso e poi te cantu lu cuccurucù

E sta cantu lu cuccurucù
dimmi dimmi che cosa vuoi tu
e io voglio le tue gambe
delle mie gambe che cosa ne fai
pe fare nu paru de peti de banca e poi te cantu lu cuccurucù
pe fare nu paru de peti de banca e poi te cantu lu cuccurucù

E sta cantu lu cuccurucù
dimmi dimmi che cosa vuoi tu
e io voglio la tua fronte
della mia fronte che cosa ne fai
pe fare na sella a cavallu de monta e poi te cantu lu cuccurucù
pe fare na sella a cavallu de monta e poi te cantu lu cuccurucù

E sta cantu lu cuccurucù
dimmi dimmi che cosa vuoi tu
e io voglio lu tuo giardinu
del mio giardinu che cosa ne fai
pe fare 'ndori alle farfalle e poi te cantu lu cuccurucù
pe fare 'ndori alle farfalle e poi te cantu lu cuccurucù

Ora...le ho messe in ordine sparso ad integrare le vostre...
E' chiaro che andrebbero dette cominciando dai capelli e andando sempre più giù...
Ed,escludendo le gambe,qual'ਠla parte anatomica citata che sta più giù?
Ma il giardino.............!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Com'erano poetici una volta.....

RonnaPaulina
Messaggi: 191
Iscritto il: 1 gennaio 1970, 2:00

Messaggioda RonnaPaulina » 26 giugno 2007, 19:31

Se invece ti rivolgi a un capo antipatico, si può dire così?

E sta cantu lu cuccurucù
dimmi dimmi che cosa vuoi tu
e io voglio la tua fronte
della mia fronte che cosa ne fai
voglio farne 'nu CORNO POTORIO e poi te cantu lu cuccurucù
voglio farne 'nu CORNO POTORIO e poi te cantu lu cuccurucù



[quote:f1738739ac="Liolà "]Ed,escludendo le gambe,qual'ਠla parte anatomica citata che sta più giù?
Ma il giardino.............!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
....[/quote:f1738739ac]

Ma cumm'ਠ'sta storia? 'a casa mia 'a parte che stà  cchiù sotto à¨.....
....'o scoglio 'e Margellina! Siente, sià¨:

"Storta picoscia, tiene 'e cosce mosce mosce-
e sott' 'o suttanino jesce 'o scoglio 'e Margellina!"

Com'erano... poetici i miei avi! Già  conoscevano la cellulite "molle" alle cosce e le culotte de cheval!!!


Torna a “Il canto e le parole”