Cura della pelle del tamburello

FIGLIADELURE
Messaggi: 52
Iscritto il: 7 giugno 2005, 22:15
Località: Salerno
Contatta:

Cura della pelle del tamburello

Messaggioda FIGLIADELURE » 24 dicembre 2005, 0:03

Rivolgo questo quesito a chiunque sia in grado di aiutarmi: Come posso curare la pelle dei tamburelli...? purtroppo con l'umidita si rovinano e non so come rimediare! Ho sentito dire che esiste un latte speciale...ma non so niente di certo! Ringrazio in anticipo....
PS
Buon Natale a tutti!

Avatar utente
lapo
Messaggi: 167
Iscritto il: 20 gennaio 2005, 15:41
Località: firenze-bari
Contatta:

Messaggioda lapo » 28 dicembre 2005, 2:10

a me Tonino Il Marinaio di Ostuni disse che un tempo si strofinava uno spicchio d'aglio sulla pelle del tamburello una volta l'anno, per conservarlo meglio.

ipse dixit
E in iscambio delle cinque lire le fece il prete rincartare il cembal suo e appiccarvi un sonagliuzzo, ed ella fu contenta.

Decameron seconda (8)

Gianlu
Messaggi: 215
Iscritto il: 24 settembre 2005, 20:37
Località: provincia di Foggia

Messaggioda Gianlu » 10 gennaio 2006, 20:32

Se questa discussione fosse stata intitolata "Manutenzione del tamburello", sarebbe stato meglio. La mia é una domanda sulla cura del cerchio del tamburello...non ho visto altro in giro.

Ho ascoltato da una persona (credo meritevole di fiducia) un consiglio per cercare di recuperare un tamburello "imbarcato". Disse di inserire all'interno dei fogli di giornale bagnati, poggiarlo a terra e poggiare sulla cornice dei pesi(che so, libri impilati). Dopo qualche giorno il tamburello teoricamente dovrebbe tornare ad una certa regolarità . Ed ora le domande:

1) Funziona? Qualcuno ne ha esperienza diretta?

2) Ma "infracicare" a questa maniera una pelle, non é dannoso? So che la pelle per essere stesa sulla cornice va bagnata, ma una volta agganciata può essere comunque abbondantemente bagnata?

3) Un tamburello imbarcato é veramente inutilizzabile? Ammsso che non si sia avvicinato nelle sue curve ad un ramo d'olivo, può essere ancora decentemente suonato? Può eventualmente offrire nuove sonorità , magari a scapito dello sbilanciamento?

4) Conoscete altri metodi di recupero?

Ciccio
Messaggi: 38
Iscritto il: 1 settembre 2003, 12:07
Località: Bologna

Messaggioda Ciccio » 10 gennaio 2006, 21:01

So che si utilizza uno spicchio d'aglio per rendere la pelle più morbida e liscia ma soprattutto per eliminare i cattivi odori dalla pelle trattata artigianalmente quando si costruisce un tamburello autonomamente.
Io ho provato questo espediente e risolve brillantemente il problema.

Gianlu
Messaggi: 215
Iscritto il: 24 settembre 2005, 20:37
Località: provincia di Foggia

Messaggioda Gianlu » 10 gennaio 2006, 21:03

Lo spicchio o la zuppa di giornali?

Avatar utente
Ialma
Messaggi: 681
Iscritto il: 5 ottobre 2003, 14:56
Località: BA
Contatta:

Messaggioda Ialma » 10 gennaio 2006, 21:17

l'aglio sfregato sulla pelle diminuisce la sensitività  della stessa all'umidità , mi dicevano.
L'ho provato all'inizio ma l'odore é alquanto fastidioso e la pelle crea più attrito, e da allora uso il metodo preventivo
...la luna aggira il mondo e voi dormite...
(tradizionale, Matteo Salvatore)

Ciccio
Messaggi: 38
Iscritto il: 1 settembre 2003, 12:07
Località: Bologna

Messaggioda Ciccio » 10 gennaio 2006, 21:22

Lo spicchio...
per non far imbarcare e ovalizzare la cornice ho costruito un telaio a forma di croce,l'ho inserito all'interno e compresso il tutto (a pelle bagnata) con un pannello pesante su cui ho caricato dei pesi per un paio di giorni. Ma questo ovviamente vale in fase di costruzione a scopo preventivo.

oil2004
Messaggi: 7
Iscritto il: 1 gennaio 1970, 2:00

cura tamburello

Messaggioda oil2004 » 16 dicembre 2006, 11:11

ho sentito dire di trattare la pelle con del grasso di maiale. Qulcuno ne sa qualcosa.

montemaranese
Messaggi: 138
Iscritto il: 14 aprile 2006, 9:48
Località: irpinia

Messaggioda montemaranese » 16 dicembre 2006, 15:06

mia cara e bella paisana, figlia de lu re, vorrei convertirti al tamburo sintetico. se vuoi te ne regalo uno io. pensaci. solo se suoni la tammurriata non posso aiutarti.

FIGLIADELURE
Messaggi: 52
Iscritto il: 7 giugno 2005, 22:15
Località: Salerno
Contatta:

Messaggioda FIGLIADELURE » 16 dicembre 2006, 17:06

:oops: ..... e grazie montemarane', un tamburello sintetico già  ce l'ho, però visto che s'avvicina il natale la pensata di regalarmene uno nuovo non sarebbe male! :wink: t'aspetto sotto l'albero allora!

Avatar utente
quirino
Messaggi: 225
Iscritto il: 1 gennaio 1970, 2:00

Messaggioda quirino » 18 dicembre 2006, 11:18

[quote:83da5c3e7c="montemaranese"]
vorrei convertirti al tamburo sintetico
[/quote:83da5c3e7c]

hai messo su una missione?

zorro
Messaggi: 140
Iscritto il: 5 settembre 2004, 15:39

Messaggioda zorro » 18 dicembre 2006, 19:25

Montemaranà©! a parte che il tamburo in plastica ( sintetico ) va benissimo anche per la tammorriata e la pissica, é bene sapere quante piu cose per mantenere in buono stato una pelle naturale.
io seguo queste cose:
[b:7fdb29cc7f]1 non suonare mai un tamburo con la pelle moscia.[/b:7fdb29cc7f]
[b:7fdb29cc7f]2 non tirarlo troppo al caldo e neanche lasciarlo riposare a temperature elevate e secche.[/b:7fdb29cc7f]
tutti i prodotti che ci possono passare sulla pelle possono solo ritardare l'ammosciamento, ma non lo evitano e più delle volte creano problemi.
[b:7fdb29cc7f]3- se il tamburo arriva ad uno stato di mosceria senza che lo si é usato molto, ha subito un catttivo utilizzo, se invece é stato usato molto, l'unica cosa da fare é togliere la pelle e rimontarla ( 30 minuti di lavoro ).[/b:7fdb29cc7f]
io su tamburi che ci lavoro tanto lo faccio anche tre volte in un anno e se la pelle dovesse rovinarsi sui bordi di fissaggio, la passo a tamburi più piccoli.

per mantenere la pelle gustosa all'utilizzo.......é un'altra storia! Argomenti interessanti possono essere:
pulizia della pelle.
nutrimento delle pelle.
lavorazione della pelle.

ma queste sono cose lunghe e .....................piene di segreti che tanti si tegono custoditi.

montemaranà©! giovedì scorso a Montoro ci siamo sfogati con i montemaranesi, ma non ci incontriamo mai?
ciao,
zorro

montemaranese
Messaggi: 138
Iscritto il: 14 aprile 2006, 9:48
Località: irpinia

Messaggioda montemaranese » 18 dicembre 2006, 20:16

Sai caro zorro é difficile muoversi quando hai un clarinettista under 13 che devi andarlo sempre a prendere con la macchina ogni volta a Torella....poi il mio fisarmonicista suona "a musica" e io non posso suonare il clarino con lui, perché non ci troviamo con i cambi di tonalità , così mi lasciano a suonare il tamburo!!!! Ogni suonata va poi a finire che si finisce a valzer e a "tutto pepe" visto che il fisarmonicista suona liscio ai matrimoni, e al mio paese, il liscio é quasi l'unica musica preferita...E' un casino!!!! sono depresso!!! :(

Avatar utente
Luca/
Messaggi: 410
Iscritto il: 6 aprile 2006, 22:40

Messaggioda Luca/ » 19 dicembre 2006, 3:20

La tammorra sintetica,se posso esprimere un modestissimo parere é controindicatissima per la tammurriata....questione di dita forse.

marsio
Messaggi: 3
Iscritto il: 1 gennaio 1970, 2:00

Messaggioda marsio » 19 dicembre 2006, 14:21

qui tutti tecnici del tamburo, ma suonate e basta. il tamburo é fatto per prendere botte e poi fatevi i calli e suonate tutto!!!

Avvocatista
Messaggi: 335
Iscritto il: 1 dicembre 2005, 12:39
Contatta:

Messaggioda Avvocatista » 19 dicembre 2006, 15:02

Finalmente, qualcuno che parla in modo saggio.

Carlo, chiudi sta baracca che non serve a niente, sona e zzitto.

E voi, forza, tutti a laurà , barbun!

zorro
Messaggi: 140
Iscritto il: 5 settembre 2004, 15:39

Messaggioda zorro » 19 dicembre 2006, 15:03

luca,
secondo me non é come dici tu, mani di esperti di tammorriata hanno cambiato parere, il suono del naturale é bello, molto bello, ma quello del mio sint non é niente da meno, io ormai lo sto usando dai concerti allo studio di registrazione, penso che bisogna saperlo aggiustare ( come suono).
provare per credere, io ne sto costruendo uno per " o lione ". Credo che lui sappia riconoscere se un tamburo é buono per suonare su una tammorriata o no. Che ne pensi?

zorro
Messaggi: 140
Iscritto il: 5 settembre 2004, 15:39

Messaggioda zorro » 19 dicembre 2006, 15:05

dimenticavo!
da me si dice:
" chi sa sonà ! sona pure co no zeppo. "

Avvocatista
Messaggi: 335
Iscritto il: 1 dicembre 2005, 12:39
Contatta:

Messaggioda Avvocatista » 19 dicembre 2006, 16:43

Caro Zorro non sono d'accordo,

la pelle sintetica può essere molto utile, anche ad Antonio Matrone, ma quella naturale - tra le altre cose - ha il vantaggio di essere disomogenea, il che implica la possibilità  di variare il suono a seconda della zona che vai a colpire (O' Lione docet).

E poi, su una sintetica non ci puoi versare del vino.

Quanto alla cura della pelle, mai usare grassi animali (es. grasso di maiale) pena il buttare la pelle che perde per sempre elasticità .

Un grande Maestro, almeno una volta l'anno, usa una piccola quantità  di Nivea.

Quanto all'aglio, anche in Lucania si utilizzava tale metodo, ma credo servisse più per finalità  antibatteriche che come unguento di manutenzione.

Ho notizia, infine, di un preparato naturale a base di resine vegetali, olii e mallo di noce polverizzato. Ma non ne conosco nà© la ricetta nà© la finalità . Ipotizzo che possa essere stato utilizzato per conciare le pelli (dato che il mallo di noce contiene alte percentuali di tannino), più che per manutenerle.

zorro
Messaggi: 140
Iscritto il: 5 settembre 2004, 15:39

Messaggioda zorro » 19 dicembre 2006, 17:51

Avvocatista! per il vino sono daccordo, ma per le altre cose no, ma possiamo simpaticamente confrontarle, tanto alla fine sono soltanto scelte soggettive.
un saluto!


Torna a “Gli strumenti musicali: compravendita, uso e manutenzione”