Accori Officina zoè

Frag
Messaggi: 331
Iscritto il: 10 dicembre 2005, 21:19
Località: Sava (Ta)
Contatta:

Accori Officina zoè

Messaggioda Frag » 18 gennaio 2006, 16:52

Salve a tutti, posso chiedervi un favore???
Potreste trovarmi gli accordi di Don pizzica degli Zoé??
Ve ne sarei infinitamente grato.....

Avatar utente
lapo
Messaggi: 167
Iscritto il: 20 gennaio 2005, 15:41
Località: firenze-bari
Contatta:

mi trovate?

Messaggioda lapo » 18 gennaio 2006, 17:41

caro frag,
hai scritto 116 messaggi in 35 giorni. questi messaggi hanno fatto si che il 30% delle cose che abbiamo letto in questo mese fossero tuoi pensieri, tue considerazioni e ripensamenti. questo comportamento e'un po invadente e sopratutto ha l'effetto collaterale di rendere monotono e noioso il dialogo e il confronto che si svolge nei forum di pizzicata.it.

potresti darti un obiettivo per i prossimi mesi: far convergere la tua statistica di messagggi al giorno (atttualmente 2.97 ) a quella di carlo (ammiistratore del sito) che si aggira attorno a 0.54. che ne dici?

ma andiamo al caso specifico. cerchi degli accordi di una conzone.
ci sono 2 possibilita' o sai suonare uno strumento che produce accordi o no.
se la risposta e'no mi chiedo a che ti servano gli accordi, e in ogni caso non posso aiutarti.
se la risposta e' si ti consiglio di prendere un accordatore (se il tuo strumento non e'ad accordatura fissa), di accordarlo e, sentendo la canzone, ritrovare via via gli accordi. per la mia esperienza questo e'un modo utile di affrontare il problema "mi servono gli accordi di ..."

buona serata
paolo

... aspettando la primavera

Frag
Messaggi: 331
Iscritto il: 10 dicembre 2005, 21:19
Località: Sava (Ta)
Contatta:

Messaggioda Frag » 18 gennaio 2006, 17:50

c'é un problema gli accordi non sono per me, ma per un chitarrista totalmente negato per internet...
e poi bastava solo:

ci sono 2 possibilita' o sai suonare uno strumento che produce accordi o no.
se la risposta e'no mi chiedo a che ti servano gli accordi, e in ogni caso non posso aiutarti.
se la risposta e' si ti consiglio di prendere un accordatore (se il tuo strumento non e'ad accordatura fissa), di accordarlo e, sentendo la canzone, ritrovare via via gli accordi. per la mia esperienza questo e'un modo utile di affrontare il problema "mi servono gli accordi di ..."

non sei mio padre, non ho bisogno della ramanzina...
e come vedi ho scritto un altro post, visto che hai combinato?....

vabbé, qualcun'altro conosce gli accordi???

Maruko_KuFu
Messaggi: 393
Iscritto il: 13 maggio 2004, 12:39
Località: Longi (Messina) e Lecce (Le).
Contatta:

Messaggioda Maruko_KuFu » 18 gennaio 2006, 18:04

Preso da reticenza e amichevole antiastio elenco gli accordi:

Tempo in 4/4 sestinato ogni accordo 2 movimenti, bpm 210 (andranno bene per la bravura di frag):

Strofa

Do+ / lam / re- / sol7 /

rit.

Re7+ / ladim / sol#-7 magg di 1 / sol+

Ecco, spero di essere stato utile.

Avatar utente
lapo
Messaggi: 167
Iscritto il: 20 gennaio 2005, 15:41
Località: firenze-bari
Contatta:

Messaggioda lapo » 18 gennaio 2006, 18:12

non mi sento tuo padre, ti stavo chiedendo getilmente di non monopolizzare i forum con i tuoi messaggi, che trovo generalmente insignificanti quando non palesemente fuoriluogo.

poi tu sei libero di fregartene di cosa ti dice la gente. ma ti autoqualifichi come un prepotente. chiaru?

meno male c'e'gente come Maruko piu'paziente di me.

march
Messaggi: 221
Iscritto il: 29 maggio 2003, 15:13
Località: Milano
Contatta:

Messaggioda march » 18 gennaio 2006, 18:27

Ma il ritornello faceva "Benvenuto mo o Corcovado"?

tarantune
Messaggi: 375
Iscritto il: 3 agosto 2004, 20:10
Località: parabita
Contatta:

Messaggioda tarantune » 18 gennaio 2006, 19:44

Anch'io preso da amichevole e fraterno sentimento(se nò me dicene ca sacciu sulu cog......onare!) mi permetto di correggere il collega di corde maruku:
Il terzo accordo del ritornello non é esattamente sol#-7 magg di 1 ma sol#-7/11 magg di 1 piccola finezza che ho intuito sbirciando tra i tastini dell' organetto di donatello quest'estate in campagna di lamberto...non mi convinceva totalmente quel passaggio e al caro don(premetto che con donatello suonavamo insieme nella cantina sotto casa sua una specie di rock psichedelico circa 13 anni fà !) gli ho chiesto che nota era quella pigiata conl'anulare(deformazione chitarristica!)
Lui mi ha guardato stranito e mi ha detto:"ma lu sai ca si l'unicu ca nu ssona l'organettu ca se nda ccortu???" :o
era il do preso un'ottava sopra che realizzava esattamente quell'intervallo proibito(un tempo!) ma sublime di undicesima sul sol#! :shock:
Mio caro maruku non senza una punta di orgoglio mi sono permesso di correggerti!spero tu non me ne voglia! :wink:
te na sciumenta cambara nu pijare mai la fija ca ci ambara nun ete, sempre alla mamma se ssamija!!!

sally
Messaggi: 22
Iscritto il: 21 dicembre 2005, 12:05
Località: Bari
Contatta:

Messaggioda sally » 18 gennaio 2006, 20:15

Scusatemi non vogli discutere l'armonia del brano
ma avreste la pazienza di spiegarmi cosa vuol dire ( magg di 1 )?
E' una simbologia che non ho visto mai.
Vuol dire questo?
Sol#-7/11 magg di 1 = Sol#-7/11+
senza la 9?

tarantune
Messaggi: 375
Iscritto il: 3 agosto 2004, 20:10
Località: parabita
Contatta:

Messaggioda tarantune » 18 gennaio 2006, 21:05

Sia la 7 che la 11 presa rispettivamente sul primo e sul secondo movimento sulla prima corda invece che sulla seconda,tutto chiaro? :wink:
te na sciumenta cambara nu pijare mai la fija ca ci ambara nun ete, sempre alla mamma se ssamija!!!

raheli
Messaggi: 346
Iscritto il: 24 agosto 2004, 17:43
Contatta:

Messaggioda raheli » 19 gennaio 2006, 8:15

Forse quello che scrivo é OT, ma lo scrivo ugualmente qua.
Circa 30 anni fa, una mattina d'estate mi svegliai al suono di una musica che nel dormiveglia appariva bellissima e si intrecciava nel sogno che stavo concludendo.
Appena sveglio mi resi conto che la musica che mi aveva svegliato non era parte del sogno ma era reale, ed era realmente bellissima.
Era un pezzo di Bob Dylan, il cui titolo é (se non sbaglio a scriverlo) Don't think twice it's all right.
L'ossesività  con cui le note di questo brano giravano per casa mia quella mattina d'estate di circa trent'anni fa era dovuta al fatto che mio fratello stava ricostruendo l'arpeggio utilizzato (il finger picking - chitarristi corregetemi se sbaglio a scriverlo) tramite l'ascolto del brano.
A mio fratello l'opera riuscì. Pazientemente ricostruì (non mi viene in mente altro termine per descrivere quello che fece) l'arpeggio in questione, solo attraverso l'ascolto del brano, ed io, il fratellino più piccolo, oggi sono in grado di farlo perchà© a mia volta rubai con gli occhi quello che mio fratello ricostruì ad orecchio.
Orecchio ed occhio.
Mio figlio studia musica.
Ogni volta che ascoltandolo provare mi accorgo che é in difficoltà  su un passaggio, se conosco il brano tento di dirgli che se non capisce leggendo può sempre aiutarsi ad orecchio, così, giusto per capire, e poi tornare a leggere.
Non sia mai.
Pare che il suonare ad orecchio sia sbagliato, negli ambienti musicali ufficiali.
Credo invece che la capacità  di suonare ad orecchio andrebbe stimolata tanto quanto quella di suonare lo spartito, sin dall'inizio della formazione dei giovani musicisti.
Conosco un sacco di gente, diplomata in questo o quello strumento, che é assolutamente incapace di suonare senza lo spartito davanti.
Credo che come sempre nel giusto mezzo stia la verità . Leggere va bene. Suonare ad orecchio anche.
Stifani diceva sempre che lui rubava l'arte con gli occhi. Bandello diceva sempre che a lui bastava ascoltare un'aria per fissarsela nella mente.
Aloisi racconta di come lui corresse il direttore della banda sul testo di un'aria di opera.
Occhio ed orecchio. E memoria.
Lo spartito non ci priva di queste capacità  che hanno costituito l'ossatura delle tecniche musicali per millenni, prima che si inventasse la scrittura musicale?

tarantune
Messaggi: 375
Iscritto il: 3 agosto 2004, 20:10
Località: parabita
Contatta:

Messaggioda tarantune » 19 gennaio 2006, 11:59

Può anche essere roberto, ma come tu ben sai, io percorro ambedue le strade e a volte lo spartito provvede dove la memoria scarseggia! :lol: che é poi quello per cui é nato! e meno male !ma ti figuri quanta musica avremmo perso senza spartiti?dagli albori dei neumi,alla notazione mensurale e al tetracordo hanno salvato e conservato nel tempo anche pezzi del repertorio volgare bellissimi,penso ai canti delle carillas spagnole,o ai canti sefarditi,per passare dalla bellezza dei canti gregoriani(chiesa o no sono musicalmente supremi)alle gighe e alle pavane scritte per liuto che attingevano a piene mani dal repertorio popolare...la scrittura musicale é un grande mezzo...ma sta nella sensibiltà  del musicista svincolarsi anche da questa per incontrare i suoni e quelle regole dettate solo dal'orecchio e dallo stato d'animo,per incontrare e tradurre la musica che ognuno ha dentro e in questo la gran parte degli interpreti depositari della tradizione sono Maestri imbattibili!
te na sciumenta cambara nu pijare mai la fija ca ci ambara nun ete, sempre alla mamma se ssamija!!!

raheli
Messaggi: 346
Iscritto il: 24 agosto 2004, 17:43
Contatta:

Messaggioda raheli » 19 gennaio 2006, 20:14

caro Tarantune,
ma io non ho mai detto, scritto o pensato che bisogna mettere fuori legge gli spartiti.
Solo che il suonare ad orecchio ha una sua dignità  ed importanza che viene troppo sminuita negli ambienti di musica colta o presunta tale.
Fossi insegnante di musica per giovani musicisti alternerei, solfeggio, lettura, esercizi con lo spartito, ad esercizi per suonare ad orecchio.
Piglierei un bel CD, farei ascoltare un pezzo tre quattro volte e poi direi: "nà , e mo' suonate!"
Poi dopo, di nuovo via con lo spartito, e così via in serena alternanza e con difficoltà  crescente.

E tu, caro Frag, all'amico tuo chitarrista, digli di trovarseli gli accordi, che poi quando l'ha trovati ha più gusto.

tarantune
Messaggi: 375
Iscritto il: 3 agosto 2004, 20:10
Località: parabita
Contatta:

Messaggioda tarantune » 19 gennaio 2006, 22:53

Assolutamente d'accordo!infatti delego questa scelta alla sensibiltà  del musicista e di rimando alla sensibilità  personale!la colpa non é degli spartiti ma di chi li propone in maniera asettica e blindata!personalmente ho sempre trovato gran soddisfazione a trovarmi i pezzi ad orecchio e scambiarli quando capita di suonare con altri musicisti!raramente, almeno x la musica leggera e quella popolare ho utilizzato spartiti,ma ovviamente sono d'obbligo per la musica classica!! sfido chiunque a trovarsi integralmente Asturias di Albeniz (pezzo inspirato a motivi melodici popolari scrittura originale per pianoforte ma trascritta con enorme successo per chitarra!) ad orecchio senza farsi mai venire la disperata voglia di andare a sbirciare su quello spartito maledetto!ci son capitato io tempo fà  ... volevo ripetermela e non trovavo la partitura!!!! e pian piano un pò con la memoria e un pò con l'orecchio ho tentato di ricostruirla ma......sono andato a letto e il giorno dopo mi son messo a scovare nei cassetti!!!!!!
te na sciumenta cambara nu pijare mai la fija ca ci ambara nun ete, sempre alla mamma se ssamija!!!

Maruko_KuFu
Messaggi: 393
Iscritto il: 13 maggio 2004, 12:39
Località: Longi (Messina) e Lecce (Le).
Contatta:

Messaggioda Maruko_KuFu » 20 gennaio 2006, 17:51

Beh, nemmanco un grazie? E pemzare che gli o trovati con estrema cura... che tabulature su internet mica ce ne sono...

Frag
Messaggi: 331
Iscritto il: 10 dicembre 2005, 21:19
Località: Sava (Ta)
Contatta:

Messaggioda Frag » 20 gennaio 2006, 17:53

Scusa maruko, nn ero a casa..
ti ringrazio tanto...


Torna a “Discussioni generali”