Ricadute positive e negative della pizzica selvaggia ?

Avatar utente
Ialma
Messaggi: 681
Iscritto il: 5 ottobre 2003, 14:56
Località: BA
Contatta:

Ricadute positive e negative della pizzica selvaggia ?

Messaggioda Ialma » 14 luglio 2009, 11:35

Credo che la ricaduta del fenomeno della pizzica selvaggia sia stato in un certo senso positivo. Se nel 99% dei casi è stata una occasione di divertimento per tantissimi che immediatamente dopo, parcheggiate tarante e tamburelli sono passati ad altra moda, per altri ha segnato un cammino.
Per i gruppi di riproposta credo che sia un minimo di coscienza in più, anche se, la diffusione a macchia d'olio di strumenti come il tamburello ha davvero generato mostruosità (esageravo quando parlavo dei tamburellisti ubiqui, invece adesso mi devo ricredere... SONO DAPPERTUTTO! :D )
Difficile anche pesare con il bilancino il bene ed il male in un fenomeno così tanto diffuso.

Avatar utente
andreap
Messaggi: 194
Iscritto il: 21 novembre 2005, 20:05
Località: Ronciglione (VT)
Contatta:

Re: Ricadute positive e negative della pizzica selvaggia ?

Messaggioda andreap » 14 luglio 2009, 13:33

Maronna, tamburellisti obliqui?
Spero nessuno dei presenti... :shock:

Avatar utente
quirino
Messaggi: 225
Iscritto il: 1 gennaio 1970, 2:00

Re: Ricadute positive e negative della pizzica selvaggia ?

Messaggioda quirino » 14 luglio 2009, 14:08

Tamburellisti obiqui o obliqui?
E soprattutto,cosa si intende?
Le circostanze fanno l'uomo non meno di quanto l'uomo faccia le circostanze.

Avatar utente
andreap
Messaggi: 194
Iscritto il: 21 novembre 2005, 20:05
Località: Ronciglione (VT)
Contatta:

Re: Ricadute positive e negative della pizzica selvaggia ?

Messaggioda andreap » 14 luglio 2009, 14:13

Boh... io però mi sento un pò OBLIQUO :D

Avvocatista
Messaggi: 335
Iscritto il: 1 dicembre 2005, 12:39
Contatta:

Re: Ricadute positive e negative della pizzica selvaggia ?

Messaggioda Avvocatista » 14 luglio 2009, 15:03

Cari colleghi,
i bei tempi sono finiti.

Per anni noi TASS siamo stati protagonisti assoluti di piazze e palchi del Sud.

Arrivavamo alle spalle di musicisti e suonatori, sfoderavamo i nostri terribili tamburelli di distruzione di massa, davamo due colpi e scappavamo via.

Ricordo l'ultima volta che l'ho fatto. Il violinista ha dato una botta di archetto ed ha tranciato in due il violino, la cantante si è presa uno spavento tale che ha emesso un acuto che ha fuso tutti i finali di un mixer da 3200 canali.

Ora la concorrenza è fortissima. Tutti hanno un tamburello. Ma non uno normale come quelli nostri che compravamo a carissimo prezzo dai tanti costruttori tradizional-improvvisati dell'epoca.

Roba tedesca con cimbali in uranio impoverito. Roba da far tremare la Cattedrale di Torrepaduli.

Tutti hanno fatto almeno un corso, uno stage, una masterclass in Iran, Iraq, Ghana, Algeria, Armenia o Anatolia.

Non c'è più etica. Sparita la spontaneità di una volta.

E poi, tutti questi si fotografano in continuazione, si riprendono in tutte le pose. Alcuni girano addirittura con un etnofotografo personale.

Appena beccano un portatore di tradizione gli si azzeccano e si fanno fotografare.
Spesso si accontentano anche di noi TASS, quasi fossimo relitti archeologici.

E poi tutti sono dotati di mostruosi fuoristrada per accedere agevolmente alle più recondite località tamburellistiche del paese.

Voi ci avete snobbato, criticato, sbeffeggiato.
Noi non sapevamo e non sappiamo suonare, ma almeno avevamo un'etica.

Avvocatista,
Presidente dei TASS
La musica "popolare" è la colonna sonora dell'identità di un popolo.

Avatar utente
Ialma
Messaggi: 681
Iscritto il: 5 ottobre 2003, 14:56
Località: BA
Contatta:

Re: Ricadute positive e negative della pizzica selvaggia ?

Messaggioda Ialma » 14 luglio 2009, 17:38

L'ubiquo (vedi categorie antropologiche nella pizzica V 1.2 viewtopic.php?f=60&t=516&hilit=categorie+antropologiche&start=20) è colui che ha il dono dell'ubiquità. (1 TS relig., facoltà di Dio, attribuita anche ad alcuni santi, di trovarsi in più luoghi contemporaneamente )
Usata allegoricamente dal sottoscritto per descrivere i rompiCGLN che si trovano DAPPERTUTTO con i maledetti tamburelli.
Adesso nella Avariante "appena si materializza un tamburello eccone spuntare una mezza dozzina che vogliono suonarlo" :-)

Avatar utente
andreap
Messaggi: 194
Iscritto il: 21 novembre 2005, 20:05
Località: Ronciglione (VT)
Contatta:

Re: Ricadute positive e negative della pizzica selvaggia ?

Messaggioda andreap » 14 luglio 2009, 19:37

mea culpa mea culpa mea grandissima culpa...

Anche io ho fatto la mia parte nel creare tutto questo, Avvocatista, potrai mai perdonarmi..?

Ricordo i bei tempi quando con Alessandro Mazzioti , Gianluca Zammarelli , Mauro Bassano, Felice Zaccheo e altri simpatiche canaglie e compagni di ventura si giravano feste e sagre in lungo e largo per la penisola, dalla sagra della lumaca di S Giovanni a quella del pecorino sardo muffito, passando attraverso tutte le varie (Pericolosissime...) feste del vino e della vendemmia...
Devo dire in realtà che i ricordi (forse a causa degli effluvi di alcool che così generosamente accompagnavano queste sortite) sono radi, ma a tutti si accompagnano sensazioni di gioia e spontaneità... Si suonava in libertà, si imrpovvisavano stornelli per ore, un pò ce si mbriacava e si tornava a casa (a volte senza neanche suonare la pizzicatarantataperò nella versionedegli OfficinaZoecheèmeno tradizionalemapompa...)

Oggi invece sembra sempre di essere sotto esame, vai a fare un workshop in campagna e da sopra un ulivo centenario si cala un etnomusicologo che si mette subito a dissertare delle similitudini tra gli spirituals, il jass e la musica popolare... Vai a fare un concerto e tutta la prima fila del pubblico (formata perlopiù da maestri di tamburello e portatori di tradizione..... a proposito, ma si è poi capito dove cavolo la portano 'sta tradizione ???) si mette a dissertare sul fatto che quando suoni la pizzica il tuo metacarpo non ruota in asse con il coccige, come peraltro tutti loro hanno imparato da nonniziepadrimadriportatoriditradizione...

Allora ti scocci e ti metti a fare un bel groove funky col tamburello e improvvisamente un altro etnomusicologo in incognito travestito da otre si mette a guardarti con uno sguardo incendiario mentre ne sorregge un altro ormai già in preda a convulsioni, ballo di s Vito e sfoghi di s Antonio...

Ma allora che dobbiamo fare noi poveri tamburellisti che non portiamo la tradizione perchè pesa troppo?
E io che mi ero pure fatto fare il mio nuovo tamburello in America, tutto bello lucido in ciliegio e pelle reinassance....

Vostro aspirante TASS e simpatizzante
A

Avatar utente
Ialma
Messaggi: 681
Iscritto il: 5 ottobre 2003, 14:56
Località: BA
Contatta:

Re: Ricadute positive e negative della pizzica selvaggia ?

Messaggioda Ialma » 14 luglio 2009, 21:45

Americaaaaaaaaaaaaaaa ???
E che ne capiscono in america di tradizione ?
Il tamburello deve essere fatto con un setaccio comprato al mercato, la pelle di capra rigorosamente allevata, ammazzata scuoiata e conciata in casa con mezzi artigianali! I sonagli di latta dei pommodori! Più è storto meglio è!
Miiiiiiiii che professore sei se ti devo insegnare tutto io :D ?
E ricordati che non puoi suonare la pizzica perchè NON SEI SALENTINO, ed in quanto straniero non hai il ritmo nel DNA.
Ah, spero che non venga fuori un etnomusicologo sabato prossimo al concerto (gratuito) di Zakir Hussain e Abbos Kosimov o che qualche svalvolato si faccia prestare un dayreh e provi a suonare la pizzica lamentandosi che gli anelli non fanno abbastanza rumore e che andrebbero sostituiti con dei sonaglioni :D

Avatar utente
andreap
Messaggi: 194
Iscritto il: 21 novembre 2005, 20:05
Località: Ronciglione (VT)
Contatta:

Re: Ricadute positive e negative della pizzica selvaggia ?

Messaggioda andreap » 14 luglio 2009, 23:13

In effetti ci ho provato...
ho comprato un setaccio al mercato da un marocchino che me ne ha venduto uno "intagliato da un olivo giovane al chiaro di luna piena", ma quando sono arrivato a casa ho visto che aveva il marchio "made in china" ed un amico meccanico mi ha detto che era uno scarto che la Fiat utilizza per fare i cerchioni della nuova Punto Turbolenta...
Poi ho acquistato un capretto giovane e sano , ma dato che in cuor mio sono un animalista ho cercato per due settimane di convincerlo a suicidarsi facendogli notare che la sua anima sarebbe vissuta per sempre all'interno di un tamburo che avrei suonato in suo onore per gli anni a venire... Gli ho citato i riti dionisiaci, i culti di Cibele, l'ipotesi della dea etrusca Tar e gli ho letto tutta la "terra del rimorso" ma lui si è cocciutamente intestardito ad ostacolarmi nel mio proposito, arrivando persino a coalizzarsi con i miei due cani per espropiarmi della mia adorata poltrona nel mio salotto.
A questo punto l'ho mandato al centro di recupero per capre disadattate gestito da Alessandro Mazziotti che sta cercando di convertirlo al naturale processo di evoluzione della capra: quello di otre per zampogna.

Alla fine al colmo della disperazione ho scritto a Patrick Cooperman che ha raccolto il mio grido di dolore e mi ha fatto un tamburello.

Non si può negare la mia buona volonta, tutta colpa del DNA umbro/amatriciano che mi porto dietro... Ah, dolente e infausta sorte che lo speme mio rifugge...!

Vedrò Abbos e Zakir martedi prossimo a Roma, vai a fare un saluto ad Abbos (siamo buoni amici) e scoprirai una persona stupenda, però vederlo suonare, ti avverto, è solo fonte di frustrazione per noi Italici mortali.... quando lo vedrai capirai!

Semper Voster

A

Avatar utente
Ialma
Messaggi: 681
Iscritto il: 5 ottobre 2003, 14:56
Località: BA
Contatta:

Re: Ricadute positive e negative della pizzica selvaggia ?

Messaggioda Ialma » 15 luglio 2009, 10:27

hahahahaha, grande Andrea :D
Mah, sarà che condivido l'animalismo, ma mi inchino davanti ale costolette, ma credo che il tuo approccio metodologico pecchi in un certo senso nella mancanza di azione diretta.
Nel caso di scrupoli morali, però la capra può essere portata al suicidio con l'ascolto 24 ore su 24 di registrazioni di gruppi di riproposta.
Alla trentaseiesima ora ed alla ottantacinquesima versione de "lu rusciu te lu mare" la capra inizierà a prendere a testate qualsiasi spigolo vivo disponibile in casa fino a decesso avvenuto.
Dopodichè, una bella concia domestica ed il gioco è fatto :-) posto che chi vive in casa abbia perso il senso dell'olfatto :-)

Damiano
Messaggi: 528
Iscritto il: 10 novembre 2003, 22:10

Re: Ricadute positive e negative della pizzica selvaggia ?

Messaggioda Damiano » 22 aprile 2010, 19:08

Madonna santa che risate mi sò fatto a leggere sto post.... (parentesi, ma non lo mollate sto cacchio di fiessbuk e torniamo a litigare tutti insieme appassionatamente su pizzicata?).

Ialma, non c'è che dire, è Ialma, e quando non è impegnato a folleggiare a piazza del Ferrarese a Bari durante il concerto per la vigilia di Italia-Irlanda è da apprezzare (l'avete mai visto ballare la bourrée?). E devo dire che ha ragione.

Parlo per esperienza personale. Da un po' di anni a questa parte tutta l'Italia etnopopolare si è messa alle mie spalle, e porca miseria, pure che faccio un rutto in bizantino subito vedi spuntare microfoni, telecamere, macchine fotografiche di ogni ordine e grado, televisioni di qualsiasi emittente, dalla Rai giù giù fino a Teletrullo che vogliono raccogliere ogni mio respiro.

Non posso andare a Cisternino alla "Botte" che subito mi piazzano in bocca (roba che mi tolgono la pizza dai denti per sostituirla col microfono) attrezzature che manco Pino Gala, e che canto un saltarello romano rivisto in salsa martinese, o una orrenda "sangiuannare" stroppiata alla maniera murgiana, o dò di fiato alla ciaramella (che per inciso, non so suonare), subito tutte ste cazzo di telecamere, macchine fotografiche, microfoni manco fossi Brigitte Bardot in visita a Saint Tropez (vabbè che a forza di andare a mangiare alla Botte mi stanno spuntando le tette, ma biondo non mi faccio).

O peggio, alle feste, questi grandi etnorave party. Sono riuscito a convincere Giannino, la bestia murgiana per eccellenza, ad alzare il culo dalla sedia, smetterla di cimentare tutti gli essere di genere femminile che passano di lì, posare la birra in luogo sicuro e farsi un giro di pizzica pizzica come Dio comanda? Ebbene, APRITI CIELO! TBM, Studio100, TRCB, etnofotografi della domenica, cellulari, albanesi in crisi di ricordi patrii, milanesi con crisi d'astinenza da sule mare e jentu, rasta coi dread tanto lunghi da far inorridire Rosario dei "Cala la sera", leccesi fermamente convinti che Alan Lomax non è morto, tutti co ste cazzo di telecamere a documentare....

Parliamoci chiaro. Non sono contrario a sto scialo di pseudo antropologia visuale, ma poi.... TUTTE STE FOTO/FILM/REGISTRAZIONI che fine fanno? E a che scopo vengono utilizzate? E PERCHE' NON ME NE DATE UNA COPIA, DISGRAZIATI? Poi vado a Pagani/Galatina/Torrepaduli/Lecce/Maruggio, e invariabilmente da lontano un rasta, una bella ragazza armata di organetto (beh, già sò più d'accordo così) o qualche ex-sessantottino in preda a furori tamburellistici mi punta, mi viene vicino e dice: "Ma tu sei Damiano Nicolella, quello che canta, di quel paese... come si chiama?" Madonna santa, se volevo diventare famoso ci sono riuscito.

Allora, dài, facciamo così. Cari i miei antropologi, della domenica o degli altri giorni che siate, fatemi il piacere. Quando mi vedete, mettete le attrezzature da parte e lasciatemi cantare/ballare/suonare/schermare/fare brindisi senza sottopormi ogni volta a sto fuoco mediatico con l'assillo di registrare qualsiasi cosa faccio. Mi diverto io e vi divertite voi.

Con affetto,

Damiano

crazyfer
Messaggi: 15
Iscritto il: 26 luglio 2003, 10:43
Località: PROV. DI LECCE

Re: Ricadute positive e negative della pizzica selvaggia ?

Messaggioda crazyfer » 24 aprile 2010, 9:38

.....e se poi consideriamo quello che che è successo in questi giorni a Claudia Pandolfi ....considera che dovremo anche "salvaguardarti" !!!!

insomma .....un "patrimonio artistico" a tutti gli effetti !

Fernando

Damiano
Messaggi: 528
Iscritto il: 10 novembre 2003, 22:10

Re: Ricadute positive e negative della pizzica selvaggia ?

Messaggioda Damiano » 26 aprile 2010, 17:33

Auuuuuuuuh!!!!!


Torna a “Discussioni generali”