Percorsi formativi universitari in etnomusicologia

Avatar utente
Ialma
Messaggi: 681
Iscritto il: 5 ottobre 2003, 14:56
Località: BA
Contatta:

Percorsi formativi universitari in etnomusicologia

Messaggioda Ialma » 4 agosto 2009, 9:52

Ho provato ad informarmi, ma i risultati sono stati quantomeno contrastanti e contraddittori.
Qualcuno ha idea se esista un master post laurea o una laurea specialistica che permetta di avere il titolo di etnomusicologo o di antropologo con specializzazione in etnomusicologia a parte (se non ho capito male) quello di Roma I ?
Grazie!
...la luna aggira il mondo e voi dormite...
(tradizionale, Matteo Salvatore)

Damiano
Messaggi: 528
Iscritto il: 10 novembre 2003, 22:10

Re: Percorsi formativi universitari in etnomusicologia

Messaggioda Damiano » 5 agosto 2009, 18:54

Ciao Ialma,

il buon Nicolella (un giorno sì e l'altro no però) ti suggerisce come hanno fatto amici miei, e cioè prendere "Beni Culturali a indiririzzo etnodemoantropologico" che si trova (se non erro) a Foggia e a Matera.

Così la prossima volta se a un concerto di fricchettoni pseudoalternativi qualcuno corregge ad alta voce il conduttore che afferma dal palco "la tammorra pugliese" magari gli darai pure ragione...

Saluti cari.

"Il" Nicolella.

Avatar utente
Ialma
Messaggi: 681
Iscritto il: 5 ottobre 2003, 14:56
Località: BA
Contatta:

Re: Percorsi formativi universitari in etnomusicologia

Messaggioda Ialma » 5 agosto 2009, 19:35

Caro "il Nicolella", non cercavo informazioni su un corso di studio completo (in Italia ce ne sono diversi interessanti) ma su un master post laurea (2 anni) o una laurea specialistica (3 anni).
Potrebbe essere interessante raccogliere informazioni su tutti i corsi di studi disponibili (laurea + percorsi brevi) a livello nazionale, che, credo, sia qualcosa che non ha mai fatto nessuno.
Comunque la tua idea è molto buona anche se non fa al caso.
Lo linko comunque.
http://www.unibas.it/segreteria/schede_ ... mative.pdf

p.s. : non per polemica, ma non si trattava di un concerto di fricchettoni pseudoalternativi.
Offenderesti uno dei migliori suonatori di tablas al mondo. L'organizzatore sarà stato poco preparato, ma non era un convegno di etnomusicologia pugliese, mio caro. E se in cambio dovesse organizzare altri eventi del livello del concerto di Zakir Hussein, ti prego di credermi gli applaudirei anche se dicesse che a casa ha un allevamento di tarante e che la pizzica sia derivazione di una danza bulgara del tardo '800 ;-)
...la luna aggira il mondo e voi dormite...

(tradizionale, Matteo Salvatore)

Damiano
Messaggi: 528
Iscritto il: 10 novembre 2003, 22:10

Re: Percorsi formativi universitari in etnomusicologia

Messaggioda Damiano » 5 agosto 2009, 19:48

Che sei.... incorreggbile come sempre.

Un saluto da Martina.

P.S.: Vuoi vedere che sto pizzicata lo facciamo abbuvisciare?

Avatar utente
Ialma
Messaggi: 681
Iscritto il: 5 ottobre 2003, 14:56
Località: BA
Contatta:

Re: Percorsi formativi universitari in etnomusicologia

Messaggioda Ialma » 5 agosto 2009, 23:51

what's "abbuvisciare" ?
...la luna aggira il mondo e voi dormite...

(tradizionale, Matteo Salvatore)

Damiano
Messaggi: 528
Iscritto il: 10 novembre 2003, 22:10

Re: Percorsi formativi universitari in etnomusicologia

Messaggioda Damiano » 6 agosto 2009, 13:10

A Bari si dice "abbavesce" = risuscitare. Comunque caro Ialma, non mi riferivo a Zakir Hussein, assolutamente mostruoso e il migliore in assoluto (anche se non ci ha fatto una bella figura a fermare il concerto e a dire di spegnere le telecamere, secondo me (e ripeto, secondo me!) lasciasse correre, tanto è umanamente impossibile che qualcuno lo imiti così bene nel suonare le tablas. Mi riferisco al PUBBLICO. Molti erano gente intrippata nell'etnico a tutti i costi, di quelli che quando mi hanno portato all'ashram di Cisternino con la scusa del karma yoga m'hanno fatto lavare tutti i piatti.

Ripeto, Ialma, mi conosci, è la stessa gente che ti ha dato motivo di lanciare il post più prolifico di pizzicata, "Il peggio del peggio", in versione indiana. Che ne pensi?

Avatar utente
Ialma
Messaggi: 681
Iscritto il: 5 ottobre 2003, 14:56
Località: BA
Contatta:

Re: Percorsi formativi universitari in etnomusicologia

Messaggioda Ialma » 6 agosto 2009, 15:14

Ma dai, lo sai bene, il fricchettone etnofilo esiste ed esisterà sempre, sia vestito da pizzicato che vestito da frequentatore di ashram.
Lavare i piatti, lo sa anche lo yogin più di basso livello, favorisce il giro della ruota karmica (infatti sono tondi come la medesima), velocizza le reincarnazioni e tiene in forma ;-)
Mai come ad una amica, finita nelle mani di un indiano esperto di yoga, che in una comune, dopo un massaggio da un'ora se n'è uscito con "sono cinquantamilaaaaa". All'anima della spiritualità e della purezza di sentimenti...
Comunque hai ragione, sotto il palco sembrava che avessero dato fuoco ad un campo di nepalese nero, altro che...
...la luna aggira il mondo e voi dormite...

(tradizionale, Matteo Salvatore)


Torna a “Discussioni generali”